Se ti senti Pin Up scegli l’abbigliamento vintage per le donne con le curve

 

o e1271016892798 Se ti senti Pin Up scegli labbigliamento vintage per le donne con le curve

Se sei una donna formosa e ti senti un po’ pin up, oggi c’è una linea di abiti che fa per te: Femmina Pin Up,  brand di abbigliamento e lingerie Vintage per donne orgogliose delle proprie forme.

I capi Femmina Pin Up  sono ispirati alle Dive, attrici ed alla moda anni ’40 e ’50. Molte donne sognano di poter indossare i tailleur e gli abiti di Marilyn Monroe, Ava Gardner, Kim Novak, Bette Davis, Rita Hayworth e la collezione Femmina Pin Up punta sui tailleur, cappotti, vestiti che  esaltano donne formose, maggiorate e plus size. Una linea pensata per fisici burrosi e sensuali che mette in rilievo il fascino retrò, l’eleganza e la sensualità d’altri tempi. Ed i tailleur con spacchi, spalline quadrate e taglio tipico anni ’40 e ’50, sono i protagonisti della collezione:  capi che soddisfano il desiderio di interpretare e rivivere il look di donne che sono state icone di stile.

I capi saranno anche  creati ristabilendo le taglie di un tempo, prima di essere ristrette fino a rasentare il ridicolo. La taglia 42 di allora sarà marchiata realmente 42 e non 46 come avviene oggi. Ritornano quindi le taglie reali come quelle degli anni ’40 e ’50 quando Pin Up come Marilyn o Bettie Page erano considerate perfette.

La collezione del brand Femmina Pin Up è stata ideato da Simona Sessa, giornalista, Pin Up, scrittrice, blogger, che da anni si batte contro anoressia e bulimia riproponendo il mito delle Pin Up per contrastare l’attuale canone  di bellezza di oggi, improntato ad una magrezza innaturale.

“L’idea del marchio e dei prodotti che sto lanciando è nata per esaltare la femminilità di tante donne che vogliono giocare con se stesse e desiderano sentirsi sexy e desiderabili – spiega la Sessa – .  Sedurre è un’arte che va appresa ed esercitata ma è importante avere gli abiti e la lingerie giusta, proprio come quelli che propongo. Inoltre siamo tutte stanche di abiti disegnati su donne inesistenti e non creati a nostra immagine e somiglianza. Abbiamo le curve, perché nasconderle? Perché mortificarle?”.

Simona da anni porta avanti il suo progetto sociale e culturale “Pin Up del 2000” per aiutare le donne a superare anoressia, bulimia e disturbi legati all’alimentazione: “Per fortuna la donna con le curve sta tornando di moda ed il mio lavoro è così facilitato – spiega la Sessa -. E’ pazzesco dover vivere ogni giorno sottotosti a un continuo lavaggio del cervello della moda e dei media che ci vogliono, magre, perfette e plastificate. Noi vogliamo essere esattamente così burrose come siamo”.

E conclude: “Con il mio progetto artistico e culturale di rivalutazione della donna formosa mediterranea sto educando ad un ritorno della femminilità che si è perduta sempre di più in questi anni… Il mio lavoro è faticoso ma ormai siamo sempre più orgogliose e felici delle nostre rotondità. Il mio consiglio? Ritornate a essere.. Femmine.”

I capi sono ordinabili  nei siti www.femminapinup.com   e www.womanshop.it

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>